L’energia rinnovabile è un metodo alternativo per produrre energia, che sia per uso privato e domestico sia per uso industriale o aziendale, sta spopolando negli ultimi anni anche in Italia. Diversi sono i metodi, tra i più utilizzati c’è quello degli impianti fotovoltaici.

Un metodo che è andato diffondendosi sempre di più visto i costi eccessivi delle bollette, ma anche un metodo per risparmiare, a lungo andare, migliaia di euro. Perché questo metodo non va a sottolineare il risparmio economico mese dopo mese, ma è un risparmio che si nota col passar degli anni. Infatti i primi anni, intesi i primi 5-6 anni, in alcune occasioni anche 4 minimo o un massimo di 8, sono quelli in cui si recuperano i soldi spesi per l’istallazione dell’impianto.

pulizia di un impianto fotovoltaicoGli impianti fotovoltaici sono utili anche per l’ambiente, in quanto sono eco sostenibili e rispettano l’ambiente, grazie all’installazioni di questi impianti, quanto più famiglie e aziende adotteranno questo metodo, maggiore sarà il rispetto ambientale e la riduzione dell’inquinamento.
Altro aspetto, da non sottovalutare, è la manutenzione, a meno che non ci siano gravi problemi, questi impianti non richiedono assistenza. Questo altro modo di risparmiare, ma non solo, questi impianti hanno una lunga durata, parliamo di ben oltre 20 anni, anche fino a 25 anni e più.

I motivi per installare un fotovoltaico sono tanti, ancora meglio quando si riesce ad ottimizzarne la gestione, vediamo nel dettaglio.
Negli ultimi anni il numero di impianti è andato ad aumentare molto, tant’è che oggi si contano oltre 500 mila impianti fotovoltaici in Italia. Sulla linea di questa vasta diffusione si è presentata anche la necessità di ottimizzare la gestione degli impianti fotovoltaici sia quelli vecchi che metodiche semplici per migliorare le prestazioni dei nuovi.
Il primo passo per ottimizzarne la gestione è massimizzare l’autoconsumo, ovvero cercare di utilizzare tutta l’energia che si auto produce con il proprio sistema fotovoltaico, riducendo invece il consumo nelle ore in cui è meno produttivo. Si parla quindi di effettuare determinati alti consumi nelle ore giornaliere, ad esempio.
Per riuscire ad incrementare la funzionalità del proprio impianto fotovoltaico è necessario assicurarsi sempre che i noduli siano completamente esposti al sole, sempre. Nel caso qualche parte dell’impianto venisse oscurata, cercare di rimuovere l’ostacolo. Un ostacolo potrebbe essere anche un semplice ramo di albero.
Così come gli ostacoli fisici, anche lo sporco rappresenta un ostacolo, di conseguenza non migliora le prestazioni, quindi per poter ottimizzare la gestione degli impianti fotovoltaici è necessaria una pulizia frequente, in modo da aumentarne l’efficienza. Ovviamente non è necessario pulire con un panno, ma ci sono attrezzature giuste, come l’asta per pulire i vetri delle finestre.

I pannelli degli impianti fotovoltaici sono andati sempre a migliorare d’efficienza negli ultimi anni e ancora si è alla ricerca di metodi che vanno a migliorarli. Di conseguenza per avere un buon vantaggio sulla riduzione dei costi è meglio cercare di far istallare dei pannelli di ultima generazione, anche se si va a spendere di più, i soldi col tempo rientreranno grazie al maggiore risparmio che si accumula col passar degli anni.
Ci sono poi alcuni che hanno vecchi impianti fotovoltaici e in questo caso è necessario ottimizzare anche questi, argomento del quale anche lo Stato se ne è occupato.

Lo Stato infatti prevede incentivi per chi possiede impianti fotovoltaici vecchi e ne vuole favorire il potenziamento. Sono previste diverse operazioni per la riqualificazione dei vecchi impianti fotovoltaici come ad esempio installare degli ottimizzatori dell’impianto, oppure sostituire l’inverter. L’inverter è il cuore dell’impianto fotovoltaico, ovvero quell’aggeggio che converte l’energia solare in energia elettrica. Di conseguenza andare a sostituire i vecchi inverter a bassa funzionalità con quelli di ultima generazione, si va ad ottimizzare l’efficienza dell’impianto fotovoltaico. Anche in questo caso ci si può rivolgere a ditte specializzate e informarsi bene, per gli incentivi che lo Stato mette a disposizione degli utenti.

Infine, un’altra buona abitudine da avere con il proprio impianto fotovoltaico è quella di far controllare da tecnici specializzati l’impianto. In questo modo si ha certezza del buon funzionamento del proprio impianto fotovoltaico nel tempo. Controlli del genere non sono da fare spesso, ma annuali ad esempio.